.
Annunci online

  dellaperdutabellezza dell' arte fotografica, il potere, la sessualità e la rivoluzione possibile
 
Diario
 



2 giugno 2006

La Donna Più Bella del Mondo (verranno a chiederti del nostro amore)



Atterrammo a Mahini un giorno di tarda primavera; offuscati da un
caldo opprimente ed accecati da una luce pura, scendemmo dal piccolo
aereo che sobbalzando sulla striscia di sabbia e terra imprudentemente
contrapposta al mare infinito ci depositò su questa ciambella lanciata
nell'immenso blu dell'oceano pacifico ..
Era arrivata una telefonata inattesa, come inattese sono tutte le
belle notizie "Dovete partire per  Thaiti, tu e Simonetta, dopodomani
avete l'aereo per Papeete.;Air France First class, 14,30 da Fiumicino."



Ancora una volta andava in onda la recita della bella e la bestia..
del fotografo e la modella, della coppia più bella del mondo…ma questa
volta sarebbe stato differente.. dopo quasi dieci anni di
rappresentazioni c'eravamo appena lasciati…



Beh, l'idea di una luna di miele alla rovescia ci attirava;  in fondo
l'unica cosa che eravamo davvero stati capaci di fare assieme in quei
lunghi anni, erano i nostri meravigliosi viaggi ovunque nel mondo;
 In viaggio le sue ansie si addolcivano, le mie curiosità non la
angosciavano, ed il continuo moto a luogo sopiva le aspettative
disattese…
Quale epitaffio migliore della stagione con una donna bellissima
(secondo alcuni la donna più bella del mondo), altissima,
generosissima, gentilissima, colta , garbata, affabile ed
irraggiungibile, che per uno scherzo del destino si era legata a
quest'uomo così basso e così presuntuoso, grumo inesplososo , coacervo
di esaltazioni, vizi, profonde depressioni, illuminazioni infantili,
angosce, tradimenti, lussurie, e progetti andati a male…



Appena sbarcati ci indirizzarono verso il bungalow migliore, il più
lontano, quasi immerso nella laguna e legato al mondo da una piccola
passerella di bambù.; era una palafitta circolare con al centro un
parallelepipedo di vetro, personale acquario  tropicale da cui sfamare
i piccoli pesci della barriera corallina
Romanticamente dispersi e senza nulla da dirci, non restava che
fotografare..



I ritratti di quei giorni raccontano molto della fine di un amore..
dell'amore consumato, dell'amore disilluso, dell'amore tradito.. Delle
ferite che ci portiamo appresso per sempre, dei dolori che arrechiamo,
della difficoltà ad essere responsabili, a prendersi cura di qualcuno,
della inaudita facilità con la quale dal giorno alla notte quello che
era per sempre non è più;
doloroso anticipo della morte, della morte di tutte le cose, della
fine dell'infanzia, dell'allegria, della leggerezza e del gioco… di
tutto questo, e di altro, si parlava in quei silenzi infiniti al bordo
del dirupo su una palafitta a  pochi passi dalla fine della barriera
corallina, a pochi metri dall'abisso.

 

Consumammo così un distacco ordinario, senza rabbia e senza clamore,
apparentemente civile ed insapore, come era stato il nostro tempo
assieme, in punta di piedi sempre  attenti a non esporci alle
intemperie, a non rischiare a non chiarire.. apparentemente protetti,
difesi, nacosti; sfuggendo un nemico che non c'era..



...ma davvero non si stava male in quel limbo vuoto, senza peso senza
colpe e senza futuro ..



Arrivammo a Mahini un giorno di primavera.. ci riparammo dal sole
cocente delle isole sottovento della polinesia francese ,sotto la
pensilina di bambù del minuscolo aereoporto...
 Vestiti solo delle coroncine di fiori polinesiane già abbrustolite
dal sole, la pelle arsa, profumo di fiori e miele nell'aria
Nella penombra all'angolo estremo fuori portata da ogni sguardo, una
piccola donna dai lunghissimi capelli grigi puliva per terra ..
Arrivati nell'unico albergo dell'atollo chiesi al ragazzone in giacca
cravatta e bermuda, chi fosse la donna e se fosse possibile
incontrarla.. .. lui risponde con un largo sorriso.." è mia madre, é la
proprietaria dell'isola…"


Mahareva arrivò in bicicletta, vestita di fiori con un cappello fuori
moda a larghe tese ed un sorriso che si accordava perfettamente al
francese musicale con cui mi invitò a seguirla nella sua dimora..
Si mostrò così felice di essere fotografata, è mi offrì i suoi quasi
sessant'anni spogliandosi senza pudori, magica assenza di
cristianesimo, mescolanza meticcia di cinese, polinesiano e
chissacosaltro
Divinità di un  pantheon politeista , aggraziata musa di Gaugain
invecchiata con dolcezza, ninfa delle acque di Oceano, madre terra  
accogliente,

la donna più bella del mondo….




permalink | inviato da il 2/6/2006 alle 16:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


30 aprile 2006



PATTI

Mi ero ripromesso di non parlargliene..di non dirle nulla….
Mi ero giurato di non essere patetico… di non raccontargli quanto era stata
importante..

estate del 1979.. un mondo fa.. la tv era in bianco e nero, l'inter
vinceva gli scudetti, berlusconi  non esisteva e noi credevamo di poter
cambiare il mondo..
Valerio Verbano era stato ucciso  dai Nar, erano entrati in casa, avevano legato i genitore e lo avevano aspettato..
quella morte così strana e vicina era stata la fine dell 'innocenza e l'inizio del nuovo evo.
Ci muovevamo in autostop, ma  a Firenze  ci andammo con la R4 nuova (si
fa per dire) di zecca;  dormivamo in campeggio, cucinavamo spaghetti
appiccicosi sul camping-gas blu, conditi con ragù precotti che sapevano
di lattina e conservanti; soprattutto non pagavamo i biglietti dei concerti… mai;
La nostra Woodstock  all'italiana, un lungo serpente di gente venuta da tutte le parti, gente che già conoscevi ,o cmq era come se li avessi già visti da qualche parte… tutti a Firenze.la  città invasa, le polacche di Solidarnosc, susie Blount,Amelia e Cappannoli, tutti lì a cantare,a saltare, a calpestare, a fischiare, a scappare via…

Rovereto 2006, si è fatto tardi, e davanti alla seconda bottiglia di vino bianco
decido che questa cosa alla fine gliela devo.. a questa donnina
sciupata, vestita un po’ troppo Rock per la sua età ( di me si potrebbe
dire anche peggio), con gli occhi vivaci ed i continui cambi di umore..
Siamo al bar del museo e ci raccontiamo storie. Lei si rilassa bevendo, e poi
improvvisamente, senza ragione apparente, si mette a cantare…poche
strofe dolenti.. io smetto di guardarla, e mi metto in ascolto,..ascolto la sua
voce.. e realizzo che sto a cena con Patti Smith



Fu una cosa  buffa quell'estate a Firenze; eravamo giovani, potenti,
ignoranti e pieni di vita.. mi rivedo a camminare sopra le teste della
gente (come benigni agli oscar, ma senza sedili..), rivedo lei in
trance, con in sottofondo la voce di Papa Luciani appena scomparso; la
rivedo offrire la chitarra al pubblico (una telecaster celeste?) e
quelli che non ci pensano sù e ...gliela fregano..

"anche per me è stato molto importante..il mio ultimo concerto rock.
Poi mi sono ritirata in campagna con mio marito.. per 15 anni.."
fred "sonic" smith mitico chitarrista degli Mc5, muore il 5 novembre
del 1994.. ennesimo lutto per Patti… di questa erinni post moderna


Ho il sospetto di non piacerle,così non forzo la mano..
no, non potevo fare il fotoreporter.. per fotografare ho bisogno della fiducia
e della  curiosità delle persone che ritraggo..
magari è presunzione, magari solo
timidezza..
vorrei che mi dedicassero del tempo, anche pochi secondi
della loro vita, ma tutti per me.

Parliamo di tutto..lei comincia a raccontare di Bob Dylan, di quanto
volesse il successo, di quanto lo desiderasse fin dall'inizio e di
quanto questa necessità gli abbia dato energia vitale
"lui è così, ha bisogno di raggiungere sempre un obiettivo, di vivere di inquietudine e tormento…"
io la ascolto , le parlo delle mie foto sui fiumi, le racconto dei miei lunghi viaggi.
Più tardi,  durante il concerto (con philip
Glass) tra le immagini che scorrono sul  palco, compare una foto di un
fiume..dirà che la ha messa per me; probabilmente era già in scaletta,ma
dirlo è già un bel gesto.
alla fine  le propongo di fotografarla la mattina
seguente, e lei mi dice di si.

La sera stessa  chiedo al portiere di notte se c'è un parchetto nelle
vicinanze.Il tipo mi guada un po’ schifato (cerco 'roba' ? Amicizie
particolari ?) e poi mi indica lo squallido giardinetto dell'albergo
tutto siepi e cemento.

La mattina Patti è di buon umore
Abbiamo poco tempo, l'albergo è orrido ed io non ho il coraggio di
portarla via, chessò, su un fiume lì intorno
Dopo la colazione le mostro il giardino.. ho scelto una panchina..
sapevo che le sarebbe piaciuta. Tiro fuori l'hasselblad ("ne ho una
anch'io, me l'ha lasciata Robert")*
Poi è di scena il Banco ottico, con la sua lentezza esasperante..
Da dieci anni insegno ai ragazzi che la cosa più importante è il primo
polaroid..
Puoi parlare quanto vuoi, avere diecimila ottime idee, ma alla fine
quello che conta veramente per avere il rispetto degli altri, è  far vedere
quello che sai fare...e  farlo subito.

E così va, come spesso è andata
Patti vede le foto, le guarda a lungo..controlla la sua immagine; sa di non essere bella, di avere qualcos'altro da comunicare..
sa riconoscere, sa guardare..;
Il rapporto cambia immediatamente (e quanto mi piace questo momento..)
Dalla periferia gentile dei suoi pensieri,le foto prendono il sopravvento, e lei diventa una professionista
attenta ad ogni particolare…

Dura poco,è tardo mattino e dobbiamo partire..lei la sera stessa  sarà in
concerto con Joan Baez, io partirò il giorno dopo per la Cina.
Mi bacia, mi lascia il suo indirizzo e-mail,e mi dice che continueremo
a Roma.. dove vuole tornare presto a visitare la tomba di  Gregory
Corso e i luoghi di Pasolini…
"This was just the beginning…"

Ritorno, ritorno a casa e lungo la strada penso che il mio è un bel lavoro..
dove i desideri e la realtà si accavallano senza sosta..
arrivo  a casa e non c'è più tempo per pensare, per riflettere, per
desiderare.. sciacquo i negativi, preparo la borsa, vado in
aereoporto….


*Robert Mappletorphe, ex fidanzato e mitico fotografo degli anni 80 autore delle prime quattro copertine leggenderie, scomparso nel 1989.






permalink | inviato da il 30/4/2006 alle 21:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


5 aprile 2006




DIANE

Mi era sempre piaciuta Diane¦ voglio dire, non la conoscevo, se non in
foto..ma tra mille altre mi aveva  sempre emozionato questa sua
durezza, questa assenza, da eroina del cinema muto, da film  sui
nazisti, da donna perduta:un pò " Lili Marlen", o Charlotte Rampling in
"Portiere di notte".. 
Per fotografarla avevo scelto questo punto, nel deserto del Sinai,
dove per celebrare la pace tra israele ed egitto, un artista belga
aveva ricoperto le dune di sabbia e roccia con un blu intenso, che
spiccava nell  beige infinito  tutt intorno..
Lo avevo visto su una foto in un vecchio depliant ma là nessuno tra i
beduini e le guide del posto,  sapeva dirci  dove si trovasse..dopo tre
giorni di ricerca trovammo in terra un vecchio cartello di cartone che
indicava "Blu Mountain" Dopo chilometri tra le dune la piccola spianata
di sassi ci apparì davanti, come un piccolo eden artificiale e silenzioso..
Diane arrivò il giorno seguente..piccola magra e scontrosa..
praticamente sublime..!

 
Non mi rivolse parola, giusto un sorriso cattivo per la mia (ahimè evidente) ammirazione.
 Nè migliorarono le cose le tre ore di viaggio
per raggiungere il luogo, di cui non sembrava, unica tra noi, subire il
fascino e l'atmosfera.. seccata, cupa ed indifferente, si lasciava
truccare, vestire, acconciare, con una impressionante assenza di
partecipazione fisica e emozionale.. una piccola bambola di stoffa e
ossa nelle mani degli altri.. io seguivo con apprensione, il brillare
della luce sui suoi tratti perfetti, aspettando paziente il mio turno..
Quando la ebbi finalmente davanti, sembro quasi in catalessi, come(?)
drogata , ma appena alzai la macchina fotografica per fare
l'inquadratura, vidi una trasformazione, la bambola inerte
diventò all'improvviso, una figura fiera, un'amazzone pronta alla
battaglia:: e quando voltò finalmente lo sguardo verso l'obiettivo 
fu come un cazzotto dritto al centro degli  occhi.
... feroce ed ammaliante come una sirena del deserto..la donna della mia ( tua,vostra) vita!

Durò il tempo di finire il rullino;  appena abbassata la macchina
dalla sua figura  per passarla agli assistenti per il cambio, lei era
tornata la bambola indolente ed assente del principio.. andò avanti così per
tutto il giorno.. scambiammo poche frasi, stranamente intime, ma
poche..giusto  prima di riprendere il lungo viaggio di ritorno.
Sul pulmino  lei stanca ed infreddolita si addormentò di colpo..

arrivati in albergo, prima di prendere l'appuntamento per il giorno seguente, 
mi si fece accanto, piccola e suadente e mi chiese.. "non c'è un posto
dove ce ne potremmo andare a cena da soli, stasera?"

Le diedi appuntamento un'ora più tardi e me ne andai velocemente in
stanza.. avevo qualcosa di  urgente di cui preoccuparmi..dovevo
verificare se quella sensazione di dolore al fianco, che avevo rimosso
per l'intera giornata, fosse quello che temevo..

Si, era così.. lo conoscevo bene; avevo subito un operazione ai reni,
molti anni prima.. e non era più tornato.. ma ora, disteso a pancia in
giù nel letto, tastandomi la cicatrice, sapevo che quell'intenso dolore
che saliva lungo l'inguine ed attraversava il ventre,
 così simile al trapano di un dentista che tocca un nervo (ed a quanto dicono, ai dolori del parto)
era l'avvisaglia di una colica renale..
La più dolorosa che avessi mai avuto, proprio laggiù, nel centro del
deserto, lontani da tutto, con una creatura meravigliosa in attesa di una
cena romantica tra le dune... mentre io mi contorcevo in un letto,
mordendo il cuscino  in attesa di un piccolo medico indiano("che cazzo
ci faceva poi un medico indiano nel deserto del Sinai") che mi inniettò una bomba
calmante ed antidolorifica "..
Crollai come un bimbo, crollai senza incubi nè sogni, senza dolori e
senza Diane!


Il giorno dopo ero in piena forma.. Lei non mi chiese niente, ed io
non indagai se qualcuno avesse profittato del mio forfait! sfidando la
nottata di dolore optai per fare foto di movimento, la feci correre, ed
io corsi con lei, imbrattandoci di polvere e sabbia, cadendo sui sassi
e sulle roccie, sudando insieme e fotografando fino al tramonto.. le
ultime foto se le fece da sola, inaugurando una consuetudine mantenuta
negli anni !
Partì, la sera stessa, di fretta.. sparì come era venuta.. dal
cielo...

Non l'ho più incontrata,  Diane. o meglio si, una volta molti anni
dopo, per la strada a Parigi, mentre fotografavo.. vicino la torre
Eiffel..venne lei a salutarmi.."abito qui dietro" Io quasi non la
riconoscevo! la troupe francese mi disse che era diventata attrice..
Dopo  l'ho vista solo al cinema.. aveva accorciato il cognome di
quattro lettere ed ingrandito il seno di tre misure.. Era la silente ed
incolore Elena in Troy.. ruolo perfetto.. chissà se Brad Pitt soffre di
coliche renali ...









permalink | inviato da il 5/4/2006 alle 21:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


27 marzo 2006




C'é una certa area tra le Ande e la distesa Amazzonica... ci sono certe foreste e certi fiumi... ci sono luoghi sconosciuti, impervi e sconsigliati;
Un dirupo infinito; una discesa di chilometri e chilometri, un "mondo perfetto"
il South American explorer di Lima , punto di riferimento di ogni buon viaggiatore in quei paraggi, sconsigliava il viaggio, con una serie di esempi di cattive esperienze fatte da chi non aveva seguito il consiglio.. il centro culturale italiano in Perù ci aveva donato un paio di indirizzi.. suore missionarie.. rifugiati politici.. Italiani in fuga.. non si va per il sottile in questi casi..
Il giorno era andato, un altro giorno diluito nell'ansia monocroma di verde e marrone..La barca si era divincolata lungo il torrente; La guida ed il pescatore che ci accompagnavano non erano riusciti a nascondere la tensione.. si davano un gran da fare nel sorridere, ma dal modo con il quale osservavano le sponde attenti ad ogni rumore sospetto,era chiaro che ci nascondevano qual cosa…
Andammo avanti tutto il giorno; loro a sorridere e a dirci che non c'era problema e noi a far finta di non aver letto le raccomandazioni del South Americsn Explorer…
Di non sapere che quella e' la zona di passaggio di tutto il narcotraffico Amazzonico, con i terroristi a guardia dei laboratori sparsi nella selva, dei soldati disertori, dei pirati di fiume.. (volendo anche di Piranhas, cocodrilli, ragni e pitoni giganteschi….).. e soprettutto non c'era un granché da fotografare.. il nulla..
Così accogliemmo con un sospiro di sollievo comune l'improvviso apparire di questo largo specchio d'acqua.. era ormai pomeriggio tardo..la luce scompariva ed io cominciai a rinchiudere la mia attrezzatura complicata: le lastre, il cavalletto messo di sbieco sulla canoa; serrai il banco ottico, misi il tappo agli obiettivi, serrai i polaroid dentro le sacche stagne..
In questo lago fermo e immobile , come incastonato nella nebbiolina afosa comparve una famigliola anch'essa immobile, immersa nell'acqua del lago… guardava sorridente il passaggio della nostra barca, con la nostra stessa meraviglia per la apparizione improvvisa
Io tirai fuori il banco ottico, e, mentre passavamo loro accanto, senza cavalletto, nè esposimetro, nè messa a fuoco, scattai tre lastre (due orizzontali ed una verticale) consapevole che le probabilita' di tirarne fuori almeno una buona sarebbero state assai poche.
Si fece notte rapidamente ….nella tinozza della capanna comparirono i tre negativi, perfettamente a fuoco…… era l'inizio di un lungo viaggio

Sono ancora in cammino, spesso non so dove andare… per fortuna ogni tanto passo accanto a qualche muro… mi giro e ci sono ancora loro, sospesi nella lattiginosa purezza grigia…lì a guardarmi,

fissati per sempre




permalink | inviato da il 27/3/2006 alle 2:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


25 marzo 2006








permalink | inviato da il 25/3/2006 alle 19:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


27 febbraio 2006

Guardando Valeria in TV

“Gli uomini si innamorano dei gesti e le donne delle Parole” E’ una piccola frase che ripeto da tanti anni..una delle tante differenze significative di questi due mondi separati che inutilmente ci affatichiamo a riunire ad unità,,Gli uomini si innamorano degli atti, dei sorrisi, delle forme e delle linee, .. a seconda delle differenze sociali e culturali e della personale sensibilità, ciò che ci emoziona, potrà essere più o meno rozzo o elevato, ma la matrice è la stessa…Le donne si incantano per il mondo che un uomo rappresenta..con le parole, con i fatti, con la vita che conduce..
per questa ragione le donne sono meno sensibili alla bellezza.
volendo dirla tutta,non credo alla donna artista..l’arte è un artificio maschile nel disperato tentativo di assimilarsi a Dio ed alla sua opera creatrice..le donne hanno il dono supremo di dare la vita, di avere figli..opera d’arte estrema da cui gli uomini sono esclusi (checchè se ne dica)..la donna artista..e ce ne sono tante e di grandissime , esercita un’operazione maschile, androgina e innaturale (andate all’hangar bicocca a Milano a vedere Kiefer e la Abramovich per capirmi meglio)
Stasera c’era Valeria in tv
Donna sublime
Non bisogna possedere tutta la bellezza che è nel mondo..
E’ sufficiente che sia in giro, da qualche parte, per migliorarci un po’…




permalink | inviato da il 27/2/2006 alle 1:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


22 febbraio 2006

una piccola storia greca

Mi piace la gente che lavora..ho un vero e proprio fascino per quelli che fanno un lavoro e lo fanno volentieri.. non parlo di qulli che hanno un lavoro interessante o creativo, di giornalisti o cinematografari, stilisti, cantanti etc.., né di businessman,finanzieri d’assalto, notai, commercialisti, imprenditori e nemmeno dei santi, quelli di emergency, i missionari, le Ong, i volontari di ogni specie e coraggio…
parlo del benzinaio gentile, il meccanico che ti aggiusta la macchina oltre l’orario, la signora del bar che ti fa un sorriso, il netturbino che canticchia sotto la pioggia facendosi bello con la studentessa nascosta dentro al portone… quelli che non vivono di conflitto di interessi, di scalata sociale, di seconda e terza casa.. quelli che ci sono sempre stati e sempre ci saranno, di cui non si parla né in cronaca rosa, ne in quella nera.. quelli là…a me mi commuovono sempre

Ero su una piccola isola greca, la scorsa estate, e non mi ero portato molti euro, contando su un punto bancomat che era sempre fuori servizio.. l’ultima sera volevo concedermi una buona cenetta di pesce con la mia compagna,
ma mi erano rimasti 25 euro ed eravamo affamatissimi..
Cocciutamente avevo traversato l’isola il lungo e in largo, chiedendo ad ogni trattoria se accettassero Visa, Diners, maestro etc, ma chi era senza collegamento, chi lo aveva ma non sapeva farlo funzionare, chi non mi rispondeva nemmeno… non mi rassegnavo a digiunare sotto questo cielo stellato che avremmo abbandonato poche ore dopo, così, per ultimo, ci recammo nella taverna più bella dell’isola, con panorama sul molo e lucette mediterranee, musica greca e brezza marina, pronti ad accettare anche una insalata a testa pur di sederci e compiere il nostro piccolo rito.. ero davvero arrabbiato (con me, con i bancomat, con la globalizzazione, etc) dovevo sembrare molto stupido e angustiato, quando, pronto ad un altro diniego, chiesi se accettavano la carta di credito..la cameriera gentile mi rispose di no, ma la ragazza cicciottella alla cassa si informò su quale problema mi angustiasse.. gli esposi il fatto e lei mi disse di accomodarmi che, nonostante l’ora tarda, ci avrebbero dato quello che avevano per i miei 25 euro..
noi ci sedemmo ed ordinammo le due insalate previste.. in pochi minuti con mio totale imbarazzo ci arrivò una pantagruelica cena di pesce, polpo, olive, pane caldo e una bottiglia di vino locale.. ai miei (deboli) rifiuti le due sorelle risposero con un sorriso….

E’una stupida piccola storia ..che mi ha lasciato per molti giorni un senso di riconciliazione..ed in questa notte di pioggia e freddo, mi è tornata in mente, come una piccola luce nel buio….

PS:La trattoria si chiama Capt.Nikolas sull’isola di Koufonissia…
Se vedete le ragazze date loro un bacio gentile




permalink | inviato da il 22/2/2006 alle 13:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


29 gennaio 2006

Tabu'


Io credo che il sentimento del bello, come tutto ciò che è stato prodotto dalla storia, sia uno scarto dalla natura, come la sostituzione del naso dell'animale con l'occhio dell'uomo.. noi vediamo troppo, per cui dobbiamo limitare drasticamente la nostra visione,, la bellezza, l'estasi dell'occhio, ci droga, costringendoci ad agire…Il bisogno sessuale riconduce l'uomo su questo cruento scenario, dissimulato dagli eufemismi di amore e bellezza..tuttavia quanto meno egli è "beneducato", tanto più forti sentirà l'animalità del sesso e tanto più esplicito il suo linguaggio..La scurrilità del ragazzo di periferia non è frutto di sessismo, ma dell'assenza della società….

Gli Archetipi di donna di cui è piena la mitologia universale, stanno a rappresentare la prossimità e l'invadenza incontenibile della natura.. Questa si occupa solo della specie, non degli individui..il corpo delle donne è un mare su cui si esercita l'effetto della marea lunare.Torpidi ed indolenti i suoi pingui tessuti sono saturi di acqua per essere poi di un tratto dilavati dalla marea ormonale.Le mestruazioni ed il parto sono un affronto alla bellezza ed alla forma.. In termini estetici sono squallidi spettacoli.La vita moderna con i suoi ospedali ed i suoi articoli igienici tiene a distanza e sterilizza questi misteri primordiali, come ha fatto con la morte, un tempo pietosa incombenza domestica…
Non è il sangue mestruale in se stesso(con il suo inarrestabile flusso vermiglio) a turbare l'immaginazione,ma piuttosto l'albume che esso trascina, i brandelli uterini,di medusa placentare del mare femminile. La matrice da cui siamo sorti. Abbiamo una ripugnanza evolutiva per l'elemento mucillaginoso, il luogo delle nostre origini biologiche, E' destino della donna affrontare ogni mese l'abisso dell'essere e del tempo, l'abisso che essa stessa è….
I genitali femminili si possono descrivere come di colore livido, incerti nei contorni ed architettonicamente incoerenti.. i genitali maschili, d'altrocanto, per quanto sfiorino il ridicolo nella loro irresolutezza gommosa, hanno un disegno matematico.. una loro sintassi…

Di giorno siamo creature sociali, ma la notte scendiamo nel mondo onirico in cui regna la natura e dove non c'è legge, ma sesso crudeltà e metamorfosi,,E la notte a tratti pervade anche il giorno, torna a visitare l'immaginazione nell'erotismo, mandando all'aria i nostri sforzi di virtù e di ordine, rivestendo oggetti e persone di un aurea arcana che ci viene rivelata attraverso l'occhio dell'artista.
.(Camille Paglia)




permalink | inviato da il 29/1/2006 alle 19:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


24 gennaio 2006



02

...Dove gli Americani sono colti, i Francesi gentili, i cinesi sono pochi e i neri ce l'hanno piccolo,
In finale ai mondiali c'è israele vs palestina ( e arbitra collina)
Una talebana sta sul paginone centrale di Playboy iran,
Le balene mangiano i giapponesi (rispettando il periodo della riproduzione)
Il continente Africano si è ricongiunto al Sudamerica ed un'interrotta orgia dionisiaca di cibo, sesso, samba, zuk e riti tribali si trascina lungo l'unico corso d'acqua che congiunge il rio delle Amazzoni, il fiume Congo ed il Nilo (bianco è nero)

…Io Abito in una bella casa in fondo al fiume, una palazzina disegnata da Italo Calvino dove la portiera è Anna Magnani, la coppia di vicini è formata da Jessica Lange e Sam Shepard, in cantina ci sono I Pink Floyd che provano il nuovo album (dark side..), c’è una piccola libreria gestita da Borges ed una sauna diretta da Moana Pozzi, un cineforum in cui Coppola e Kurosawa discutono mentre Orson Welles se la ride; nel cortile Maradona e George Best si giocano le Falkland ai palleggi,
Il giovedì si gioca a bugia e verità con Cagliostro, Giordano Bruno e Andreotti, il venerdì a Risiko con Napoleone e Alessandro Magno; Amministratore del condominio e Adriano (quello delle memorie, tranne la domenica che gioca..) Di sotto c’è un’appartamento vuoto dove Marlon e Maria Schneider si incontrano in eterno ed il burro non diventa mai rancido;
Maria Callas canta mentre si fa la doccia, mentre il suo amante, un negretto di nome Jimi, suona distrattamente mentre si beve una scura tisana; la pizza Express te la porta Valentino Rossi, a benedire la casa viene Che Guevara,
Nei Sotterranei Milton e Dante scambiano informazioni e cercano il Gral,
Dalla grande vetrata in soggiorno vedo Machu Picchu ad ovest e Angkor Wat ad est. Broadway parte da sotto casa e passando per il Colosseo, finisce al centro di Shibuya.
La piscina condominiale è composta dall’isola di Mahini,
Attico e super attico sono liberi ad equo canone e fitto bloccato…….




permalink | inviato da il 24/1/2006 alle 21:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


24 gennaio 2006



La sofferenza insita nell'essere artisti.. ossia l'incapacità di essere veramente felici od infelici.. veramente capaci di odiare, di disperarsi, di esaltarsi, di amare.. quella specie di filtro estetico che si frappone inesorabilmente tra l'artista ed il mondo
(Michel Houellebecq)




permalink | inviato da il 24/1/2006 alle 14:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia     aprile       
 

 rubriche

Diario
un mondo perfetto
Fotografando

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

Blog letto 20602 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom